LB3P_101_Ufficio Stampa Low Cost

Progetto proposto da: Matteo Mancino

 

Nel mondo del WEB 2.0 (e del WEB 3.0 prossimo venturo), diventa sempre più vitale individuare sentieri di visibilità diffusa per valorizzare le iniziative di ciascun comparto.Due le direzioni prioritarie: a) il marketing che  sui social network e sulle loro forme evolutiveb) la diffusione professionale di informazioni  specifiche sulle proprie attività

L’idea proposta intende generare occupazione non solo direttamente ma soprattutto con l’essere servente all’esigenza conoscitiva di valorizzazione  dell’innovazione sociale e dell’imprenditoria sociale, ciò tramite una comunicazione che sia stimolo alla relazionalità fra i diversi attori: ovvero dal marketing al societing. Mi sia al riguardo consentito il rimando al sito www.societing.org  come spunto della mia proposta (dal manifesto pubblicato sul sito: Non esistono ricette miracolose per fare evolvere il marketing verso il societing:  bensì una profonda rivisitazione delle sue frontiere alla luce dei nuovi scenari di una società postmoderna e delle nuove responsabilità sociali da cui non può astenersi dal confrontarsi (…)  l’impresa deve farsi carico, in qualche modo, anche delle patologie generate dal sistema delle merci, delle crescenti responsabilità sociali che le vengono attribuite. L’impresa non è una fatina altruista, deve e dovrà sempre fare profitti, ma nel nostro mondo li farà soltanto se saprà trasformarsi in questa direzione. Il  sistema troverà un equilibrio grazie al societing passando a una logica partecipativa nella distribuzione del valore aggiunto tra tutti gli stakeholder.Facendo una sintesi di tutte queste linee di sviluppo, Cova ha recentemente proposto un aggiornamento del concetto societing : mentre l’impiego delle tecniche tradizionali di marketing privilegia la prospettiva dei marketing manager, un approccio più ampio richiede attenzione non solo per il punto di vista delle imprese, ma anche per le istanze dei consumatori e di tutti quei soggetti che a vario titolo stabiliscono delle relazioni con le imprese”)