LB1P_036_RFGLU Monitoraggio continuo glicemico

Progetto presentato da Serena Fiocchi

Il diabete è una patologia in rapida diffusione che coinvolge percentuali enormi della popolazione. Oltre agli aspetti clinici e sintomatologici, nonchè alle gravi complicanze della malattia, il paziente diabetico deve imparare a convivere con nuove abitudini e modalità di comportamento gravemente disabilitanti. Fra queste, la necessità del monitoraggio invasivo del livello glicemico in prossimità di tutti i pasti è sicuramente da considerarsi una delle problematiche maggiori.

Milano e la Lombardia quindi devono e possono svolgere un ruolo di guida a livello nazionale, europeo ed internazionale nella prospettiva di sviluppare nuove tecnologie in grado di eliminare tale disagio. L’EXPO 2015 può trovare in Milano la città leader dei sistemi  per la gestione quotidiana del diabete nella sua fase non acuta.

Scopo di questo progetto (di seguito denominato RFGLU) è la progettazione di un sistema per comunicazione e controllo wireless tramite tecnologia RFID (Radio Frequency Identification) di un sensore per il monitoraggio continuo glicemico, tale da superare i limiti di ingombro ed invasività effettiva dei sistemi esistenti e così da permettere un uso facilitato del dispositivo da parte dei pazienti diabetici, a partire dalle cliniche milanesi.

Tali dispositivi, basati su biosensori per la rilevazione del livello glicemico, sono dotati tuttavia di sistemi di trasmissione wireless verso il ricevitore esterno tecnologicamente complessi, basati su microonde, di dimensioni considerevoli e con necessità di alimentazione propria. La tecnologia RFID potrebbe permettere di affrontare e risolvere questi problemi ed essere perciò alternativa agli ingombranti sistemi wireless attualmente utilizzati per il monitoraggio continuo, per facilitarne la diffusione e l’uso, basandosi sulla comunicazione fra un lettore (READER) esterno ed un’etichetta (TAG) installato direttamente sul sistema di misura ad ago di dimensioni minime (pochi mm2), alta affidabilità, flessibilità, velocità, accessibilità alle informazioni e bassi costi. Il sistema completo di RFGLU comprenderebbe:

Un biosensore glicemico mini-invasivo impiantabile;
Un TAG RFID e relativo circuito di interfaccia per la connessione al biosensore;
Un READER RFID per la ricezione e l’elaborazione del segnale dal TAG.

Tale sistema si presenta come un’applicazione originale e di grande impatto delle RFID alla sensoristica biomedicale in particolar modo se si pensa all’utilità che potrebbe avere nella cura di una malattia tanto invalidante e come quella diabetica.